I dieci principi del commercio equo e solidale

Cos’è il commercio equo e solidale

“Il Commercio Equo si basa su modalità di produzione e commercio che pongono le persone e il pianeta prima del profitto finanziario”

“L’economia estrattiva del profitto ad ogni costo ci ha portato sull’orlo di una crisi ecologica e ha polarizzato la società tra l’1% e il 99%. Il Commercio Equo e Solidale basato sulla sostenibilità ecologica e la giustizia sociale è diventato un imperativo di sopravvivenza. Il Commercio Equo e Solidale si basa sul restituire alla Terra e alla società.”

Vandana Shiva

Partnership economica con l’obbiettivo di una maggiore equità

Il Commercio Equo e Solidale è una partnership economica, basata sul dialogo, sulla trasparenza e sul rispetto che cerca maggiore equità nel commercio internazionale. Contribuisce ad uno sviluppo sostenibile offrendo migliori condizioni commerciali e ne assicura i diritti, ai produttori e lavoratori marginalizzati – soprattutto nel Sud del mondo.

Le organizzazioni del Commercio Equo e Solidale, supportate dai consumatori, sono impegnate attivamente nel sostenere i produttori, sensibilizzare e realizzare campagne per cambiare le regole e le pratiche del commercio internazionale convenzionale.

Le persone e l’ambiente prima del profitto finanziario

Il Commercio Equo e Solidale è basato su modelli di produzione e commercio che mettono le persone e il pianeta prima del profitto finanziario. Il Commercio Equo e Solidale connette inoltre i produttori e i consumatori attraverso una maggiore trasparenza delle catene di approvvigionamento. Attraverso la dimostrazione che una maggiore giustizia nel commercio mondiale è possibile, il Commercio Equo e Solidale cerca anche di coinvolgere i cittadini nella riscrittura delle regole del commercio mettendo al centro le esigenze dei piccoli produttori , dei lavoratori e dei consumatori. Il Commercio Equo e Solidale non è beneficenza ma una partnership per il cambiamento e lo sviluppo attraverso il commercio.

Dare la possibilità ai produttori di prendere il controllo del loro futuro

Il Commercio Equo e Solidale prende il via da produttori che lavorano assieme in organizzazioni democratiche, con l’obiettivo di creare imprese più forti in grado di competere sui mercati internazionali e assicurare migliori condizioni commerciali.
Supportando gli artigiani, i contadini e i lavoratori nell’avviare organizzazioni democratiche, il Commercio Equo e Solidale cerca di dar loro la possibilità di prendere il controllo del proprio futuro e garantire risultati basati sulla giustizia per le persone e per il pianeta. In questo modo, il Commercio Equo contribuisce a molti degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

I dieci principi del commercio equo e solidale

I dieci principi del commercio equo e solidale